Il Formichiere di Cingolani Marcello - Via Cupa n. 31 06034 Foligno (Pg) - Telefono e Telefax 0742 67649 - P.Iva: 03018580542 - Cod.F.: CNGMCL53P17D653Y
info@ilformichiere.it - Rea Perugia n. 257926 - Codice Inps 24861719719RF

La sacca e il bastone, sulle orme di Francesco

Autore: Spada Egildo
Categoria Edizioni Il Formichiere di Foligno
Città: Foligno
EAN: 9788898428991
Collana: Testimonianze & Memorie
Editore: Il Formichiere
Anno: 2017
Prezzo: € 10

 

Prefazione di S.E. Angelo Card. Comastri, ricerca iconografica di Ezio Genovesi, 78 p., ill. b/n e colori, brossura con alette.      Questo libro racconta un viaggio nei luoghi che hanno visto la presenza di san Francesco, un viaggio percorso rigorosamente a piedi e in solitudine, per non lasciarsi distrarre da alcunché, alla ricerca di qualcosa di impalpabile.
  L’Autore si sforza con questo viaggio sico di trovare, attraverso una ricerca interiore, le condizioni per poter raggiungere uno stato di armonia con gli altri e con il resto della natura.  Una destinazione non facile per tutti noi occidentali che soffriamo, chi più e chi meno, della stessa bramosia di possesso materiale delle cose, bramosia che ci costringe a dedicare gran parte del tempo a nostra disposizione e delle nostre energie all’inseguimento della sicurezza e della felicità con strumenti che si dimostrano sempre inefficaci.  Già Lucio Anneo Seneca descrisse, duemila anni fa, i senti- menti di privazione e di insicurezza provati dai ricchi che ambiscono a possedere ciò che non hanno. La ragione di tutto ciò è forse quella di scon ggere la morte grazie alla illusione di possedere le cose e i nostri simili?  O forse si tratta di un retaggio della nostra storia primitiva, quando la perdita degli strumenti di caccia e delle riserve di cibo mettevano a repentaglio la sopravvivenza di tutto il clan?  Oppure, più semplicemente, siamo tutti prigionieri dell’etica capitalista, che spinge i già ricchi a fare ancora più soldi e tutti gli altri a consumare sempre di più, magari per dare la possibilità ai ricchi di esserlo ancora di più.  Soddisfare il bisogno di sicurezza e ricercare la felicità, non con l’accumulo di riserve materiali e il potere sui nostri simili, ma con il raggiungimento di un nuovo status interiore, è un viaggio che dovremmo percorrere anche noi come fece Francesco.
  Grazie Egildo per avercelo ricordato.  (nota dell’editore)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IMMAGINI